VINCITORI – 1° Concorso fotografico – FOTOGRAFIE PER ARREDARE


182899_397393023700190_833491120_n

🕔 10 ottobre 2013

 IMPORTANTE – CAMBIO DATE MOSTRA!!!!

La mostra all’ADAFA in via Palestro 12, Cremona non inizierà come comunicato in precedenza, il 4 dicembre, ma il 17 dicembre e durerà fino al 12 gennaio. Gli orari d’accesso per il pubblico saranno dalle 17 alle 19, tutti i giorni eccetto il lunedì.

La mostra quindi rimarrà presso il nostro negozio fino all’8 dicembre.

Presso The Wall – via Capitano del Popolo 14, Cremona

—————————————————————————————————————————————————————————-

Per la categoria UNDER 30

(16 partecipanti per un totale di 44 fotografie)

1)          Io, pensiero di Antonio Bertoli

2)          Gocce di Sofia Raglio

3)          Il mondo da una ruota di José Colombo

Menzionati:

⁃               Soluzione Semplice di Matteo Razzano

⁃               Profondità di colore di Simone Renzi

—————————————————————————————————————————————————————————-

Per la categoria OVER 30

(56 partecipanti per un totale di 185 fotografie)

1)          L’aperitivo di Giovanni Moglia

2)          Il tuffo di Elisabetta Poli

3)          Locklovers Lovelockers di Giovanni Mattia Porcelli

Menzionati:

⁃               Allo Specchio di Simone Lodigiani

⁃               The Sky in the Apple di Auro Sissa

⁃               Tormento estivo di Laura Zanetti

—————————————————————————————————————————————————————————-

Come per ogni giuria la scelta per decretare i vincitori è stata difficile. E’ impossibile essere oggettivi perché l’arte non è oggettiva e quindi ogni scelta ha tante sfaccettature e motivazioni. Può essere preponderante il giudizio tecnico, oppure quello stilistico, può interessare maggiormente il tema, si può premiare la scelta del soggetto e, infine, può e deve influire anche il gusto personale. Per questo, ogni scelta è già di partenza discutibile, con dieci giurie differenti avremmo certamente dieci differenti risultati.

Noi abbiamo cercato di rendere il nostro giudizio il più possibile aperto a 360 gradi, optando per una giuria composta da occhi che provengono da mondi vicini ma differenti con sguardi che possono coincidere o divaricarsi:

⁃               Mino Boiocchi, fotografo: l’occhio tecnico ed estetico.

⁃               Cristina Casero, docente di Storia della fotografia all’Università di Parma: l’occhio critico.

⁃               Daniele Renzi, Interior Designer: l’occhio aperto alle nuove tendenze.

⁃               Antonio Colace, titolare del negozio The Wall: l’occhio interessato alla vendibilità.

Abbiamo pensato che questi punti di vista differenti potessero evitare che il giudizio pesasse troppo verso una piuttosto che un’altra componente della fotografia, in modo da poter giudicare le vostre fotografie a tutto tondo.

—————————————————————————————————————————————————————————-

Vi proponiamo, di seguito, le motivazioni delle nostre scelte sulle fotografie vincitrici e menzionate.

UNDER 30 – Fotografie Vincitrici

1) La fotografia prima classificata, Io, pensiero di Antonio Bertoli, ci ha colpito per la pulizia del bianco e nero e per il soggetto, una bimba, colta in un momento di attesa quotidiano, uno sguardo perso nel vuoto, profondo e liquido, colto molto da vicino. La bellezza dello scatto è in questo caso nella capacità di cogliere l’attimo. Ci sarebbe, per altro, molto piaciuto vedere la resa della fotografia stampata su carta fine art.

2)  Gocce di Sofia Raglio, seconda classificata, ci propone l’acqua come protagonista. Un tema classico, forse, ma che qui è reso tecnicamente molto bene, con le gocce cristallizzate nelle loro forme ed uno sfondo in secondo piano sfocato con sapienza. La fotografia è sicuramente bella e il premio è soprattutto per la sicurezza della mano e dell’occhio.

3)  E’ stata soprattutto premiata l’idea, invece, per la terza classificata, Il mondo da una ruota di Josè Colombo, che ci propone una  vista della città dalle campagne racchiusa all’interno di una ruota di bicicletta. Bello il contrasto fra la nitidezza del Torrazzo nello sfondo e la sagoma accennata della bicicletta in primo piano che diventa un contorno. Fissità e movimento in uno scatto.

Under 30 – Menzionate

– Il cubo di Rubik è il soggetto della fotografia Soluzione Semplice di Matteo Razzano. Bello il proposito di “bruciare” il bianco e nero che rende il risultato molto grafico e originale.

– Una scala cromatica in forme regolari e geometriche rendono piacevole la fotografia Profondità di Colore di Simone Renzi. Un soggetto fisso colto con una bella prospettiva.

—————————————————————————————————————————————————————————-

Over 30 – Fotografie Vincitrici

1) La linea perfetta delle prospettive e il taglio preciso e ripido di una vista dall’alto sono gli elementi che caratterizzano la fotografia prima classificata, L’aperitivo di Giovanni Moglia. Una fotografia chiara, un soggetto non particolarmente significativo, ma che proprio per questo esalta la composizione, che diventa la protagonista assoluta dell’immagine: la fotografia parla nella sua limpidezza. Bello il giallo (naturale) dei taxi parcheggiati sulla strada che dà un tocco dinamico di colore.

2) Il tuffo di Elisabetta Poli, seconda classificata, racconta un momento di spensieratezza e ci restituisce abilmente una sensazione di libertà. Nello scatto di questo tuffo l’autrice ha colto l’essenza della fotografia di movimento. Intuizione e precisione. Bello il particolare degli sguardi sorridenti che dal basso accompagnano il tuffo. Ottima la scelta della carta.

3) Un’esplosione di colori, un ammasso di lucchetti, un caos che trova una sua armonia, nella fotografia terza classificata Lockovers Lovelockers di Giovanni Mattia Porcelli. Uno scatto che colpisce e che bene si adatta per arredare una parete. Anche in questo caso ottima la scelta della carta.

Over 30 – Menzionate

Allo Specchio di Simone Lodigiani ci lancia in un’atmosfera cyber, colori, fili, ingranaggi che si sovrappongono in maniera molto azzeccata ed originale ai fasci muscolari del corpo umano. Molto bella ed originale la composizione scenografica della fotografia.

– The Sky in the Apple di Auro Sissa ci propone una sobria immagine speculare. Delicato e raffinato l’abbinamento dei colori e molto originale l’idea di unire con una linea, rimandando alle costellazioni, i punti presenti sulla buccia di una delle due mele. Una mela vista come un planetario.

– Quello che colpisce in Tormento estivo di Laura Zanetti è la posa dell’asino infastidito da una nuvola di mosche, ben fissate nello scatto, che l’occhio attento della fotografa ci ha restituito con efficacia e nitidezza di racconto. Una bella fotografia che avrebbe forse reso di più in bianco e nero.